ips anticalcare

IPS Anticalcare: cos’è e come funziona

Il problema dei depositi calcarei nelle reti idriche e negli elettrodomestici delle nostre case è molto serio, in quanto può arrecare gravi danni agli impianti e causare malfunzionamenti, contribuendo non poco a far lievitare le bollette elettriche.

Perché è consigliabile installare un dispositivo anticalcare?

Nell’acqua che arriva nelle nostre case sono disciolti molti minerali, fra cui il calcio ed il magnesio che, portati ad alte temperature, tendono a formare Carbonato di Calcio (CaCo3) e Carbonato di Magnesio (MgCo3), che si depositano sulle superfici con cui vengono a contatto, formando quella patina dura e biancastra che siamo soliti chiamare calcare. Purtroppo il problema non è solamente estetico:

  • Il calcare si deposita all’interno delle tubature, ostruendole e corrodendole.
  • I depositi tendono a formarsi soprattutto sulle superfici di scambio termico, come le serpentine degli elettrodomestici, formando un rivestimento isolante, che ne compromette non poco le prestazioni.
  • Il calcare rovina le guarnizioni, causando perdite negli impianti.

A questi effetti negativi, se ne aggiungo anche altri, che abbiamo trattato in un precedente articolo, e che rendono consigliabile l’utilizzo di dispositivi anticalcare, indispensabili per preservare gli impianti domestici da danni anche seri, facendoci inoltre risparmiare sulla bolletta.

ips anticalcare caratteristiche

IPS Anticalcare: il dispositivo per il trattamento galvanico dell’acqua.

Esistono molti presidi in grado di diminuire sensibilmente la percentuale di calcare presente nell’acqua, ma spesso necessitano di additivi chimici, di fonti di alimentazione esterne e di manutanzione frequente.

ITS Todini, azienda leader da oltre 30 anni nel settore degli impianti idrosanitari, distribuice in esclusiva per l’Italia il filtro IPS, considerato il miglior dispositivo anticalcare ad oggi presente sul mercato.

Il funzionamento di questo innovativo sistema è basato sul trattamento galvanico dell’acqua: grazie alla presenza di specifici elettrodi, IPS genera al suo interno un campo di forza in grado di modificare il reticolo cristallino dei sali disciolti, senza cambiarne la composizione chimica.

Facciamo un esempio: il Carbonato di Calcio (CaCo3) si trasforma in Aragonite (CaCo3) che ha la stessa formula chimica, ma una diversa struttura, che non si deposita negli impianti.

IPS Anticalcare (che va installato all’ingresso della rete idrica o a monte di ciascun elettrodomestico) è in grado di ridurre fino al 55% la quantità di calcare presente nell’acqua. Oltre ad essere più economico di un addolcitore, non ha costi operativi, non necessita di nessuna sostanza chimica, di nessun tipo di alimentazione esterna e non ha bisogno di manutenzione.

Per ulteriori informazioni su questo dispositivo (garantito 10 anni e disponibile anche in versione PREMIUM, con elettrodi in argento ad azione antibatterica, ed INDUSTRY, per impianti industriali), non esistate a visionare il video esplicativo o a chiedere informazioni.